KIROV

Kirov, circa 1000 Km a Est di Mosca …. è qui che il prossimo Giugno due squadre di volontari membri delle Associazioni che fanno capo al NAPV e all’Associazione Linea Gustav si recheranno per partecipare alle operazioni di mappatura delle fosse comuni rinvenute in zona e successivo recupero dei caduti che vi giacciono, tra i quali si trova con tutta probabilità anche un numero imprecisato di soldati italiani.  

Situate a ridosso della ferrovia che transita da Kirov, le fosse venivano realizzate alla meglio per dare sepoltura alle migliaia di prigionieri di varie nazionalità deceduti sui treni per tifo, ferite, gelo o denutrizione durante i trasferimenti

Kirov, infatti, era un importante snodo ferroviario sulla via della Siberia, dove i convogli rientravano colmi di prigionieri dopo aver trasportato al fronte gli armamenti e le munizioni prodotti nelle numerose fabbriche presenti in zona. La città, peraltro, era sede anche di molti ospedali, situati al sicuro nelle retrovie che, in molti casi, fornirono ai prigionieri le cure possibili. 

La partecipazione agli scavi è frutto di un incontro preliminare tenutosi a Kirov nel mese di Dicembre, nel corso del quale i Referenti locali e le Autorità Russe, hanno valutato attentamente l’operato e le competenze delle varie Associazioni che coi propri Volontari si sono rese disponibili a fornire all’operazione tutto il supporto possibile fino al termine dei lavori

Le operazioni, che vedono collaborare le Autorità di diversi paesi europei, sono coordinate dall’Organizzazione Pubblica Volontaria Giovanile Ricognitori di Kirov “DOLG” che ha il mandato delle Autorità Russe. L’attività si protrarrà per l’intera estate; al termine, una squadra si recherà nuovamente sul posto per monitorare lo sviluppo degli scavi che saranno condotti con metodo archeologico. 
 
Le missioni sono finanziate in proprio dai Volontari che compongono le squadre di recupero e dalle loro Associazioni di appartenenza. E’ tuttavia possibile a chiunque contribuire al finanziamento delle missioni effettuando un bonifico sul conto IT87P0832505473000000064497 intestato a Gotica Toscana Onlus  o utilizzando il conto paypal finance@goticatoscana.it riportando in entrambe i casi la causale KIROV 2017.
 
 I contributi raccolti verranno utilizzati esclusivamente per abbattere i costi vivi di trasferimento, per acquistare il materiale tecnico necessario per lo scavo che ha natura molto complessa e per prolungare al massimo la permanenza delle squadre di recupero sul sito. Ulteriori dettagli saranno disponibili a breve.
 
Per maggiori informazioni:  info@napv.it
 
 
 
Situazione fondi al 1 Giugno 2017
 
Il costo del materiale tecnico e delle attrezzature acquistate per le operazioni (maggiori immagini e foto verranno caricate prossimamente) ammonta a circa € 5.000
 
Le generose sponsorizzazioni raccolte fino ad oggi grazie agli sponsor di seguito indicati hanno già permesso la copertura di € 2.000 !
 
La raccolta fondi continua ! 
 
 

Aggiornamento 1 Agosto 2017

Il primo ciclo di operazioni tenutosi nel mese di Giugno si è concluso positivamente. Le 2 squadre di volontari che si sono avvicendate sul posto hanno portato a termine con successo la ricognizione, la delimitazione e il sondaggio delle sepolture collettive situate in loco in collaborazione col personale russo preposto alle operazioni.

Circa 1760 le ore di lavoro prestate dai 22 volontari in ogni condizione meteo.  

Agli scavi veri è propri, che sono ripresi nel mese di Luglio, parteciperà una terza squadra in partenza ad Agosto composta da personale che si è già impegnato nel mese di Giugno. 

Ulteriori informazioni sono disponibili sulle pagine del Commissariato Generale per le Onoranze ai Caduti – Onorcaduti